Superbonus 110%: ecco chi può richiederlo - PrestitoSì Finance S.p.A.

Superbonus 110%: ecco chi può richiederlo

Il superbonus 110% è una delle iniziative incluse nel Decreto Rilancio attraverso le quali il Governo italiano intende favorire la ripresa del comparto edilizio e, al contempo, fornire incentivi fiscali alle famiglie per la riqualificazione degli immobili.

Dopo aver analizzato cos’è il superbonus e le tipologie di interventi coperti dal superbonus, è il momento di scoprire chi può usufruire dell’agevolazione fiscale e su quali edifici o immobili debbano essere eseguiti gli interventi.

Le tipologie di immobili incluse

Possono usufruire del superbonus gli interventi eseguiti su:

  • Parti comuni di edifici (come ad esempio il condominio);
  • Unità immobiliari che a livello funzionale sono indipendenti ma che dispongono di almeno un accesso autonomo dall’esterno (ad esempio, le villette a schiera);
  • Unità immobiliari singole

Originariamente, la legge prevedeva una distinzione tra prima casa e seconda casa, escludendo queste ultime. L’attuale decreto legge, invece, rende possibile l’accesso alle agevolazioni anche per gli interventi da effettuare sulle seconde case.

Le tipologie di immobili escluse

Non possono accedere al superbonus interventi eseguiti su abitazioni signorili, ville e castelli, rispettivamente appartenenti alle categorie catastali A1, A8 e A9.

Chi può richiedere il superbonus

Possono richiedere il superbonus:

  • Persone fisiche, al di fuori dell’esercizio di attività d’arti, impresa e professioni;
  • Condomini;
  • IACP (Istituti Autonomi Case Popolari) e tutti gli enti che perseguono le stesse finalità sociali. Per queste categorie le tempistiche per la realizzazione degli interventi si estendono fino al 30 giugno 2023. Devono, però, conformarsi ai requisiti stabiliti dall’in house providing. Gli interventi possono riguardare sia gli immobili di proprietà degli istituti stessi, sia quelli gestiti per conto degli enti comunali;
  • Associazioni e società sportive dilettantistiche regolarmente registrate ma solo sulle parti di immobili adibite a spogliatoi;
  • Cooperative di abitazioni, relativamente agli immobili assegnati in godimento ai soci o a quelli da essi posseduti;
  • Enti appartenenti al terzo settore (quelli identificati come organizzazioni non a scopo di lucro bensì di utilità sociale in base a quanto stabilito dall’ex D.lgs 460/1997), associazioni di promozione sociale e organizzazioni di volontariato registrate.

Solo i proprietari degli immobili possono ottenere il superbonus 110%?

No. Hanno diritto ad ottenere il superbonus 110%:

  • Nudi proprietari;
  • Titolari di diritto reale di godimento (uso, usufrutto e abitazione)
  • Possessori di contratto di locazione/comodato registrato, a patto che sia il proprietario che i familiari del possessore o il detentore forniscano il consenso allo svolgimento dei lavori

Per i lavori effettuati sulle parti comuni di un condominio nel quale si trovino esercenti attività di impresa o arte o professione, anche questi ultimi soggetti potranno beneficiare della agevolazione fiscale.

Quali sono i limiti di spesa da rispettare?

Ecco i limiti di spesa da non oltrepassare, suddivisi per tipologia di intervento

Interventi di isolamento termico

Per tali interventi, la soglia di spesa è stabilita in:

  • 50.000 euro per gli edifici unifamiliari o unità immobiliari indipendenti che si trovano in complessi plurifamiliari;
  • 40.000 euro per ogni unità immobiliare per condomini formati da un minimo di 2 ad un massimo di 8 unità;
  • 30.000 euro per ogni unità immobiliare per gli edifici costituiti da più di 8 unità.

Interventi di sostituzione degli impianti di climatizzazione invernale

La soglia di spesa relativa a questi interventi è così suddivisa:

  • 30.000 euro per edifici unifamiliari o funzionalmente autonomi;
  • 20.000 euro per unità abitativa in edifici composti da non meno di 2 e non più di 8 unità;
  • 15.000 euro per unità abitativa per edifici che presentano più di 8 unità

Pannelli solari

La soglia di spesa per i pannelli solari è stabilita in € 48.000, o comunque € 2.400,00 per ogni kw dell’impianto per ogni abitazione.


Carmine Roca
Carmine Roca è Copywriter, Consulente SEO e Giornalista Pubblicista. Si occupa del blog di PrestitoSì, ottimizzazione per i motori di ricerca e comunicati stampa.